HomeMedicina psicosomatica

jung-stone-mandala-thumb
Jung stone mandala

jung

JUNG E LA PSICOLOGIA ANALITICA

La grandezza di Jung e della sua psicologia consiste fondamentalmente nel suo proporsi non come verità dogmatica scientificamente rivelatasi, ma come invito alla reale esperienza psichica

LEGGI TUTTO

Articolo pubblicato sul Bollettino dell’Ordine dei Medici ANNO XII N.2

Medicina psicosomatica: il Training Autogeno

 

 …Il Trainig Autogeno, come altre tecniche di rilassamento, rientra nel novero delle cosiddette “psicoterapie brevi”; si tratta di” incontri terapeutici” che hanno in comune alcune caratteristiche quali la durata breve e quindi la maggiore accessibilità economica, giacché si propongono alcune finalità terapeutiche ben precise. In questo caso si tratta di insegnare una tecnica di rilassamento, che il tedesco Schulz chiamò Training Autogeno,ossia un metodo di autodistensione e concentrazione psichica che consente di modificare situazioni psichiche o somatiche e di realizzare quella specifica deconnessione neuropsichica senza alcuna eteroinduzione…Le possibilità di applicazione sono molteplici .

Nell’uomo “normale”:

  • a) “autosedazione” e “ smorzamento della risonanza emotiva”;
  • b)”recupero di energie”: sembra che mezz’ora di rilassamento possa corrispondere a quattro ore di sonno!
  • c)possibilità di “ampliare” o “ridurre” le sensazioni provenienti dal proprio soma e quindi la possibilità di stabilire una “ipoalgesia” o addirittura una vera e propria “analgesia”.
  • d) regolazione vasomotoria ad es. eliminare la penosa sensazione di “piedi freddi” o contenere i fastidi dell’eccessivo caldo o freddo.
  • e) “modificazione delle capacità mnemoniche” ossia miglioramento della capacità di memorizzazione e possibilità di far riaffiorare i ricordi con particolare facilità..

 

Ottimi risultati si ottengono nel trattamento dei cosiddetti “disturbi funzionali”:

  • a) sindroni cardiovascolari: ipertensione arteriosa essenziale, aritmie.
  • b) disturbi vasomotori. cefalee, emicrania ecc.c) sindromi respiratorie:asma bronchiale e altre dispnee funzionali. d)sindromi gastrointestinali:ulcera peptica, stipsi o diarrea ecc.
  • e) disturbi della funzione sessuale;
  • f) in ostetricia:preparazione al parto indolore;
  • f) in dermatologia: prurito, alopecia nervosa ecc.

In generale imparando il rilassamento, migliora la componente ansiosa presente in qualunque stato neurotico.

Controindicazioni: psicosi, oligofrenia.